Un “IO” è un “NOI”

Un “IO” è un “NOI”

Chi sono Io se non ho un Noi con cui condividere il mio Io. I tre spiriti dell’essere.

Se ti chiedessi chi sei, risponderesti in base all’idea che hai di te.
Potresti dirmi che sei bravo a cantare, a scrivere o altre cose che riguardano te quando sei da solo.

Ma tu esisti anche come parte di una comunità, come la tua famiglia, i tuoi amici, i tuoi colleghi. Hai imparato che ci sono regole da seguire che valgono per tutti (o almeno dovrebbero), come rispettare le indicazioni stradali. Inoltre, se ad esempio ti sta a cuore il problema del surriscaldamento globale, l’idea che hai di te sarà quella di una persona che si sente anche responsabile della propria comunità.

E’ come se tu avessi più personalità, come se fossi allo stesso tempo un singolo con i suoi bisogni e desideri, ma anche qualcuno che appartiene ad un gruppo. Infatti ogni popolo ha imparato a convivere sotto la guida di uno Stato .

Il fatto però è che noi siamo e apparteniamo a qualcosa di ancora più grande, che non dipende da noi e nemmeno dallo Stato. Te ne accorgi quando entri in una Chiesa, in una Sinagoga o in una Moschea, e vedi le persone in preghiera: che tu creda o no in un Dio, senti una specie di vertigine, perché cogli qualcosa di enorme che va oltre te, oltre lo Stato.

Come la religione, anche l’arte sa raggiungere questa dimensione immensa con le immagini, con il teatro, con la musica. In tutto ciò c’è lo svolgimento di un’idea, che parte da un io piccolo e solo e poi diventa sempre più grande e chiara, fino ad abbracciare tutto quanto.

Ti è garbato questo pensiero? continua a seguire il mio blog.
Se invece ti garba la stand up comedy, devi sapere che io sono pure uno stand up comedian e attualmente sono in giro con il mio nuovo tour “Vi Aspetto Fuori!” (se vuoi scoprire dove sarò prossimamente clicca qui.)

Seguimi nelle mie pagine social.

Instagram

Facebook

Youtube

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *